Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter di FCA Press e resta aggiornato su tutte le novità.

14 set 2020

FCA e Groupe PSA modificano il loro Combination Agreement per rafforzare ulteriormente la struttura del capitale iniziale di Stellantis

FCA e Groupe PSA modificano il loro Combination Agreement per rafforzare ulteriormente la struttura del capitale iniziale di Stellantis

AVVISO IMPORTANTE
Leggendo la comunicazione che segue accettate di essere vincolati dalle seguenti limitazioni e restrizioni:
La presente comunicazione ha scopi puramente informativi e non è intesa e non rappresenta un'offerta o un invito a scambiare o vendere o la promozione di un'offerta di sottoscrizione o acquisto o un invito a scambiare, acquistare o sottoscrivere alcun titolo o qualsiasi parte del business o degli asset qui descritti o qualsiasi altra interessenza o la richiesta di qualsivoglia voto o approvazione in qualunque ordinamento riguardo a questa transazione o altrimenti, né avrà luogo alcuna vendita, emissione o trasferimento di titoli in qualsiasi ordinamento in violazione della normativa applicabile. Questa comunicazione non deve essere interpretata in alcun modo come raccomandazione indirizzata a qualsivoglia suo lettore.
Questa comunicazione non è un prospetto, un’informativa sul prodotto o altro documento di offerta ai fini del Regolamento (EU) 2017/1129 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 14 giugno 2017.
Un'offerta di titoli negli Stati Uniti in relazione ad una business combination sarà effettuata esclusivamente mediante un prospetto che fa parte di un registration statement depositato presso la US Securities and Exchange Commission (“SEC”) ed efficace. Gli azionisti di Peugeot S.A. (“PSA”) e Fiat Chrysler Automobiles N.V. ("FCA") che siano soggetti statunitensi o si trovino negli Stati Uniti, sono invitati a leggere il registration statement se e quando sarà dichiarato efficace dalla US Securities and Exchange Commission, poiché esso conterrà informazioni importanti sulla transazione proposta. Una dichiarazione di registrazione sul modulo F-4 per una business combination tra FCA e PSA attraverso una fusione transfrontaliera è stata depositata presso la SEC il 24 luglio 2020 ma non è stata ancora dichiarata efficace. È possibile ottenere copie di tutti i documenti depositati presso la SEC relativamente alla transazione proposta, dei documenti ivi richiamati e dei filing presso la SEC di FCA sul sito Web della SEC all'indirizzo http://www.sec.gov. Inoltre, il registration statement dichiarato efficace sarà messo gratuitamente a disposizione degli azionisti negli Stati Uniti.

 

 Vélizy-Villacoublay e Londra, 14 settembre 2020

 

FCA e Groupe PSA modificano il loro Combination Agreement per rafforzare ulteriormente la struttura del capitale iniziale di Stellantis

 

  • Il dividendo speciale FCA fissato a 2,9 miliardi di euro; la quota in Faurecia di Groupe PSA sarà distribuita dopo il closing a tutti gli azionisti di Stellantis
  • Le modifiche preservano l'equilibrio del Combination Agreement originario
  • Le sinergie annuali stimate a regime aumentano a oltre € 5 miliardi
  • Si conferma che il completamento dell’operazione dovrebbe avvenire entro la fine del primo trimestre del 2021

 

Fiat Chrysler Automobiles NV ("FCA") (NYSE: FCAU / MTA: FCA) e Peugeot SA ("Groupe PSA") hanno concordato di modificare alcuni termini del Combination Agreement 50/50 vincolante per creare Stellantis, il 4° più grande costruttore automobilistico al mondo in termini di volumi.

 

Le parti hanno concordato le modifiche con l’obiettivo di affrontare l'impatto in termini di liquidità che la pandemia da COVID-19 ha sull'industria automobilistica, preservando il valore economico e i fondamentali equilibri del Combination Agreement originario. Le modifiche sono state approvate all'unanimità dai Consigli di Amministrazione di entrambe le società con il forte sostegno dei loro azionisti di riferimento. Gli esistenti impegni a sostegno dell’operazione di Exor, del Gruppo della Famiglia Peugeot (EPF / FFP), di Bpifrance e di Dongfeng Motor Group (DFG) continuano ad avere efficacia.

 

In particolare, il dividendo speciale che sarà distribuito da FCA ai suoi azionisti prima del closing è fissato a € 2,9 miliardi (precedentemente era fissato a € 5,5 miliardi) mentre la quota del 46% detenuta da Groupe PSA in Faurecia sarà distribuita a tutti gli Azionisti di Stellantis subito dopo il closing dell’operazione e successivamente all'approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione e degli azionisti di Stellantis.

 

A fronte di queste modifiche, i rispettivi azionisti di FCA e Groupe PSA riceveranno una uguale partecipazione in Faurecia pari al 23% (capitalizzazione € 5,867 miliardi alla chiusura del mercato, 14 settembre 2020), mentre la loro proprietà 50/50 di Stellantis - un gruppo che ora avrà a bilancio una liquidità di 2,6 miliardi di euro in più - rimarrà invariata.

 

In aggiunta, è stato concordato che i Consigli di Amministrazione di Groupe PSA e FCA valuteranno una potenziale distribuzione di € 500 milioni agli azionisti di ciascuna società prima del closing o, in alternativa, una distribuzione di € 1 miliardo da corrispondere successivamente al closing a tutti gli azionisti di Stellantis. Queste decisioni saranno prese alla luce dell'andamento e delle prospettive di entrambe le Società, delle condizioni di mercato e delle performance registrate nel periodo intercorso. Tali distribuzioni saranno effettuate solo se approvate dai Consigli di Amministrazione di entrambe le società.

 

FCA e Groupe PSA confermano che per tutti gli altri aspetti i termini economici del loro Combination Agreement siglato il 17 dicembre 2019 rimangono invariati e che il completamento della combinazione proposta dovrebbe avvenire entro la fine del primo trimestre 2021, soggetto alle condizioni di closing precedentemente concordate previste nel Combination Agreement.

 

Entrambi i Consigli di Amministrazione di FCA e Groupe PSA sono più che mai convinti della logica e della straordinaria potenziale creazione di valore derivante dalla loro fusione. Stellantis può far leva fin dall'inizio su un business fortemente diversificato con elevanti margini nelle regioni principali di Europa, Nord America e America Latina e un portafoglio unico di marchi consolidati e iconici. I suoi prodotti best-in-class, che garantiscono un’elevata soddisfazione da parte della clientela, coprono tutti i segmenti chiave del settore. Altro aspetto fondamentale è che la nuova società, con la sua dimensione combinata molto più ampia, sarà attrezzata per accelerare lo sviluppo di soluzioni di mobilità altamente innovative e tecnologie all'avanguardia nei veicoli a new energy, nella guida autonoma e nella connettività.

 

Come risultato dei significativi progressi compiuti negli ultimi mesi dai gruppi di lavoro congiunti, le sinergie a regime annue stimate dalla creazione di Stellantis sono significativamente aumentate sino a oltre € 5 miliardi, rispetto ai € 3,7 miliardi originariamente stimati. Anche i costi totali stimati una tantum di implementazione per raggiungere queste sinergie sono aumentati da € 2,8 miliardi sino ad un massimo di € 4 miliardi.

 

Commentando l'accordo modificato, Carlos Tavares, Presidente del Consiglio di Gestione del gruppo PSA, ha dichiarato: "Con questo nuovo decisivo passo, ci stiamo avvicinando complessivamente al nostro obiettivo nelle migliori condizioni possibili con prospettive ancora migliori per Stellantis. Vorrei cogliere l'occasione per ringraziare vivamente i team che hanno costruito rapporti di reciproca fiducia, anche durante le misure di confinamento del Covid-19. Il fattore umano è al centro delle dinamiche di un progetto di questo tipo, insieme al sostegno dei nostri azionisti, che hanno dimostrato ancora una volta il loro impegno per la creazione di Stellantis”.

 

Mike Manley, CEO di FCA, ha aggiunto: “Non ci sono parole per descrivere la dedizione dimostrata dai team coinvolti sul lancio di Stellantis, e quella di tutte le nostre persone nell’affrontare le sfide senza precedenti che la pandemia da COVID -19 ci ha costretto ad affrontare. L'annuncio di oggi è un ulteriore, forte segnale della comune determinazione a garantire che Stellantis abbia tutte le risorse di cui ha bisogno per impegnare i suoi asset unici, le sue energie creative e le molte opportunità per la creazione di un valore superiore per tutti i nostri stakeholder".

 

Investor Relations:

FCA

Joe Veltri: +1 248 576 9257
Investor.relations@fcagroup.com

Groupe PSA

Andrea Bandinelli: + 33 6 82 58 86 04
communication-financiere@mpsa.com

 

 Per ulteriori informazioni:

FCA

Andrea Pallard: +39 335 8737298
andrea.pallard@fcagroup.com
Shawn Morgan : +1 248 760 2621
shawn.morgan@fcagroup.com

Groupe PSA

Bertrand Blaise: +33 6 33 72 61 86
bertrand.blaise@mpsa.com
Pierre Olivier Salmon: +33 6 76 86 45 48
pierreolivier.salmon@mpsa.com

 

FCA

Fiat Chrysler Automobiles (FCA) è un costruttore automobilistico globale che progetta, sviluppa, produce e commercializza veicoli in una gamma di marchi che include Abarth, Alfa Romeo, Chrysler, Dodge, Fiat, Fiat Professional, Jeep®, Lancia, Ram e Maserati. Fornisce inoltre servizi post-vendita e ricambi con il marchio Mopar e opera nei settori della componentistica e dei sistemi di produzione sotto i marchi Comau e Teksid. FCA ha quasi 200.000 dipendenti nel mondo. Per maggiori informazioni su FCA, visita il sito www.fcagroup.com

 

Groupe PSA

Groupe PSA progetta esperienze automobilistiche uniche e propone soluzioni di mobilità per andare incontro a tutte le aspettative dei Clienti. Il Gruppo ha cinque brand automotive - Peugeot, Citroën, DS, Opel e Vauxhall – e offre un’ampia gamma di servizi connessi legati alla mobilità, con il marchio Free2Move. Il piano strategico “Push to Pass” rappresenta la prima tappa per raggiungere la vision del Gruppo di diventare “un costruttore automobilistico globale ai massimi livelli per efficienza e un fornitore di servizi di mobilità di riferimento per una relazione duratura con i clienti”. E’ uno dei pionieri della vettura a guida autonoma e del veicolo connesso. Le sue attività si estendono anche al finanziamento con Banque PSA Finance e agli equipaggiamenti automobilistici con Faurecia.

Mediateca: medialibrary.groupe-psa.com / Twitter: @GroupePSA_EN

 

DICHIARAZIONI PREVISIONALI

La presente comunicazione contiene dichiarazioni previsionali. In particolare, dichiarazioni relative alla performance finanziaria futura e le aspettative di FCA e di PSA (le “Parti”) relativamente al raggiungimento di determinate grandezze obiettivo in date future o in periodi futuri sono dichiarazioni previsionali. In alcuni casi, tali dichiarazioni possono essere caratterizzate da termini quali “può”, “sarà”, “ci si attende”, “potrebbe”, “dovrebbe”, “intende”, “stima”, “prevede”, “crede”, “rimane”, “in linea”, “pianifica”, “target”, “obiettivo”, “scopo”, “previsione”, “proiezione”, “aspettativa”, “prospettiva”, “piano”, o termini simili. Le dichiarazioni previsionali non costituiscono una garanzia o promessa riguardo ai risultati futuri. Piuttosto, sono basate sulla conoscenza attuale a disposizione delle Parti, sulle aspettative e proiezioni future circa eventi futuri e, per loro stessa natura, sono soggette a rischi inerenti e incertezze. Tali dichiarazioni si riferiscono a eventi, e dipendono da circostanze, che potrebbero effettivamente verificarsi in futuro oppure no. Pertanto, è opportuno non fare indebito affidamento su tali affermazioni.

I risultati futuri potrebbero differire significativamente da quelli contenuti nelle dichiarazioni previsionali a causa di una molteplicità di fattori, tra cui: l’impatto della pandemia da COVID-19, la capacità di PSA e di FCA e/o del gruppo congiunto risultante dall’operazione proposta (insieme alle Parti, le “Società”) di lanciare nuovi prodotti con successo e di mantenere determinati volumi di consegne di veicoli; cambiamenti nei mercati finanziari globali, nel contesto economico generale e variazioni della domanda nel settore automobilistico, che è soggetto a ciclicità; variazioni delle condizioni economiche e politiche locali, variazioni delle politiche commerciali e l’imposizione di dazi a livello globale e regionale o dazi mirati all’industria automobilistica, l’adozione di riforme fiscali o altri cambiamenti nelle normative e regolamentazioni fiscali; la capacità delle Società di ampliare il livello di penetrazione di alcuni dei loro marchi nei mercati globali; la capacità delle Società di offrire prodotti innovativi e attraenti; la capacità delle Società di sviluppare, produrre e vendere veicoli con caratteristiche avanzate tra cui potenziate funzionalità di elettrificazione, connettività e guida autonoma; vari tipi di reclami, azioni legali, indagini governative e altre potenziali fonti di responsabilità, inclusi procedimenti concernenti responsabilità da prodotto, garanzie sui prodotti e questioni, indagini e altre azioni legali in ambito di tutela dell’ambiente; costi operativi di importo significativo correlati alla conformità con le normative di tutela dell’ambiente, della salute e della sicurezza sul lavoro; l'intenso livello di concorrenza nel settore automobilistico, che potrebbe aumentare a causa di consolidamenti; l’eventuale incapacità delle Società di finanziare taluni piani pensionistici; la capacità di fornire o organizzare accesso ad adeguate fonti di finanziamento per i concessionari e per la clientela finale e rischi correlati alla costituzione e gestione di società di servizi finanziari; la capacità di accedere a fonti di finanziamento al fine di realizzare i piani industriali delle Società e migliorare le attività, la situazione finanziaria e i risultati operativi; significativi malfunzionamenti, interruzioni o violazioni della sicurezza dei sistemi di information technology o dei sistemi di controllo elettronici contenuti nei veicoli delle Società; la capacità delle Società di realizzare benefici previsti da joint venture; interruzioni dovute a instabilità di natura politica, sociale ed economica; rischi correlati ai rapporti con dipendenti, concessionari e fornitori; aumento dei costi, interruzioni delle forniture o carenza di materie prime; sviluppi nelle relazioni sindacali, industriali e nella normativa giuslavoristica; fluttuazioni dei tassi di cambio, variazioni dei tassi d'interesse, rischio di credito e altri rischi di mercato; rischi di natura politica e tensioni sociali; terremoti o altri disastri; incertezze sul fatto che la aggregazione proposta sarà completata o sulla tempistica della stessa; il rischio che l’annuncio della aggregazione proposta possa rendere più difficile per le Parti di instaurare o mantenere relazioni con i loro dipendenti, fornitori e altri partner di business o enti governativi; il rischio che le attività delle Parti siano negativamente impattate durante il periodo di pendenza dell’aggregazione proposta; rischi relativi alle approvazioni normative necessarie per l’aggregazione; il rischio che le attività di FCA e di PSA non siano integrate con successo e altri rischi e incertezze.

Le dichiarazioni previsionali contenute nel presente documento devono considerarsi valide solo alla data del presente documento e le Parti non si assumono alcun obbligo di aggiornare o emendare pubblicamente tali dichiarazioni. Ulteriori informazioni riguardanti le Parti e le loro rispettive attività, inclusi taluni fattori in grado di influenzare significativamente i risultati delle Parti, sono contenute nei documenti depositati da FCA presso la Securities and Exchange Commission (inclusa la dichiarazione di registrazione sul modulo F-4 depositata presso la SEC il 24 luglio 2020), l’AFM e la CONSOB e nei documenti depositati da PSA presso l’AMF.

Iscriviti alla Newsletter.

ISCRIVITI ORA